Scrivere bene ai tempi dei Social Media.

scrivere bene social media italiano

Quanto è importante per un copywriter, un web content editor, un webwriter o per un professionista del web  e dei social media saper scrivere bene in italiano?

 

La risposta è lampante: la conoscenza della lingua italiana è un elemento base da cui partire per poter comunicare al meglio la tua strategia di marketing on line. Senza questa pietra miliare, rappresentata dalla conoscenza accurata della nostra lingua, difficilmente riusciremo poi a strutturare i successivi passi.

Ma non solo i professionisti della scrittura sui Social Media necessitano di tali  competenze linguistiche, anche colui che vuole aprire un blog per diletto, dovrà cimentarsi con la lingua e sapersi destreggiare tra le reti del mondo virtuale padroneggiando i contenuti che vuole veicolare con un linguaggio appropriato.

Mai scoraggiarsi e soprattutto teniamo sempre un buon dizionario a portata di mano!

Non dobbiamo essere degli accademici linguisti, ma possiamo sempre imparare e migliorare le nostre conoscenze! Sicuramente il nostro lettore apprezzerà la cura di tale aspetto.

DIALOGARE SUL WEB: CHIARO ESSENZIALE E SENZA ERRORI.

 

Quando approcciamo alla scrittura del web dobbiamo sempre tener conto dello strumento che stiamo utilizzando: internet ha portato innumerevoli vantaggi per la comunicazione, ma al contempo la scrittura appare condizionata anche dalla velocità imposta dal mezzo stesso.

Facile distrarsi e commettere imprecisioni.

Ma ciò è vero poiché è presente l’elemento dell’interazione, un po’ come avviene quando sosteniamo una conversazione orale e parlando commettiamo  errori dovuti al voler rispondere subito. Se vuoi approfondire questo tema leggi questo articolo.

La rete ha un’originale caratteristica: ha trasformato un linguaggio colloquiale in una produzione scritta, un paradosso che merita riflessioni, come sottolineato dagli interventi per “La Settimana della lingua italiana nel mondo”; a cui non poteva sfuggire la relazione tra social media e lingua italiana.

IL  MERCATO COME CONVERSAZIONE 2.0

 

Imprese, aziende e industrie non possono fare a meno di utilizzare il canale internet per “conversare” con i propri clienti e consumatori. Alla base dell’identità digitale oggi c’è la Community e i mercati si trasformano in “conversazioni“: pensiamo allora quanto sia rilevante saper “conversare” correttamente per tali organizzazioni.

Ma non solo, di fatti lo stesso macro-principio è applicabile al webwriter e al professionista dei Social Media , il quale non può sottrarsi alle nuove regole di un marketing mutato nel corso del tempo.

LA VETRINA DI FACEBOOK.

 

La diffusione dei propri contenuti sul Social Media Facebook, ad esempio è interessata sicuramente alla correttezza formale della lingua: i post tendono ad essere abbastanza lunghi, vi è la possibilità di scrivere testi ponderosi quantitativamente grazie alla funzione “note”, le immagini si accompagnano ad una didascalia scritta.

Tutto ciò migliora o almeno dovrebbe, l’attenzione verso la cura e la pianificazione della nostra composizione scritta; quando stai per pigiare il tasto “pubblica” sei consapevole di poter rivere la “bozza” di quanto scritto, errori ortografici e grammaticali compresi! 

L’esposizione alla sanzione sociale aiuta nel rivedere al meglio i propri testi, e se magari ti è sfuggito qualcosa, stai certo che qualche utente te lo segnalerà, a dimostrazione dell’identità  “collaborativa”che alimenta i social.

Grazie per aver letto questo articolo, già che ci sei che ne dici di commentare?! 🙂

 

TI PIACE? CONDIVIDI!

Commenta qui!